google-site-verification: googlee3c30f8ac430801b.html
"Alla fine, noi conserveremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che comprendiamo, e comprendiamo solo ciò che ci viene insegnato."
Baba Dioum
Benvenuti a tutte le ore di tutti i giorni

gioco con invito

giovedì 22 ottobre 2015

Tre Haiku d'Autunno


La prima nebbia 
velando le colline
 chiama l'autunno 

*****


Sfiorando rami

 il vento dell'autunno

 ruba le foglie

****
  

Aghi di pino,
andando per i boschi,

silenzio e funghi 

 ****

domenica 11 ottobre 2015

"Inconfondibile" Panda bianca...

La mitica maniglia-non maniglia della Panda 750

Parcheggio la mia fedele Panda bianca lungo la strada che dalla Provinciale riporta verso il centro del paese. La mia meta è il vecchio edificio riqualificato di recente che ospita, insieme ad altri servizi, l'Uffico Anagrafe .
Un breve percorso in discesa, qualche saluto scambiato, ci si conosce tutti, qui. Una signora spazza le foglie d'autunno lungo la strada davanti a casa, abitudine paesana che integra il servizi NU, spesso lo sostituisce.
Assolta la semplice commissione all'Anagrafe, percorro a ritroso il tratto in lieve salita, mi accosto alla  Panda bianca e faccio l'atto di aprire lo sportello, lato guida, ovviamente.
Con mia sorpresa e anche un po' d'imbarazzo, lo sportello cede al movimento e si sposta dalla sua sede, penzolando e resta attaccato per la cerniera, ma inanimato come l'arto di un burattino al quale fosse stato tagliato il filo.
Richiudo precariamente, chiedendomi pechè non se n'era accorto nessuno della famiglia.
La Panda da qualche anno è passata all'uso prevalente di  mio figlio Michelangelo, lo ha acompagnato per tutti e tre gli anni di Università a Pisa, adesso lo aspetta tutti i giorni al ritorno in treno da Firenze per riportarlo a Vecchiano...possibile che...
Temendo che nella strada da lì a casa lo sportello si staccasse del tutto, con effetti disastrosi ( e figuraccia in piazza), ho chiamato al cell il mio molto stupito marito,che è subito partito dalla torneria per venire in soccorso dell'auto e della moglie.
Mentre aspettavo, la signora della ramazza ha parlottato brevemente con la figlia e poi mi son sentita chiamare "Ma la tua macchina è questa!"
Imbarazzo per l'imbranata figura, ma soddisfazione per l'integrità dello sportello. Soddisfazione condivisa da mio marito che, a parte lo scomodo, non avrebbe dovuto accollarsi la noia e la spesa della riparazione!
Abbiamo riso insieme alle compaesane per il ridicolo equivoco, ed io ho dato loro il pemesso ufficiale di raccontare la mia gaffe, tanto io l'avrei scritta sul blog, quindi...
E lei, la MIA Panda bianca, mi aspettava poco più avanti, figurarsi se io avevo controllato la targa!
L'avevo scambiata per una sua collega un po' più anziana e peggio messa: di Panda bianche ce ne sono ancora tante in giro!
Non è la prima volta e non sono la sola a cadere in errore.
Andare in giro con una Panda bianca è un po' come chiamarsi Mario Rossi.

comunicazione

I contenuti presenti su questo e gli altri blog dei quali sono titolare sono pubblicati con licenza Creative Commons 3.0 Italia.
Se condivisi devono essere rispettati i seguenti diritti:
- attribuzione: deve essere citato il nome dell'autrice
- non è consentito l'uso per fini commerciali
- non sono permesse modifiche

Alcune immagini sono state prelevate dal Web.
Se è stata violata qualche regola siete pregati di avvisare nello spazio commenti e saranno eliminate immediatamente.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale
ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001.
Powered by Blogger.